Browsed by
Autore: Ivano Conti

182 – E adesso? (2020)

182 – E adesso? (2020)

E adesso? / Cosa potresti fare?
Adesso… / Che non hai altri impegni
Puoi pensare solo a te
Potresti / inventare qualcosa
qualche cosa di nuovo
qualche cosa che sai
che non hai provato mai

Oppure
Fare finta di niente
Restare / con lo sguardo un po’ un assente
Sdraiato lì / Che guardi in sù / Il cielo blu….
Non basta… / E ti senti un po’ solo
Ti manca / quel qualcosa che rende
tutto meraviglioso.

E adesso? / ti sei perso per strada?
e forse / stai cercando una scusa
per andare via d qua..
Vorresti / Saper fare magie    Ma non puoi e non sai come
E con una bacchetta    si può fare per cambiare
Cancellare col tocco    per provare a rimediare
Tutto quello che non va    a tutto quello che non va
E invece    Tutto è come è sempre stato
Non esiste un rimedio    Tutto ti ricorda ancora
Ti accorgi / Che non puoi farci niente    Tutto insiste e non si stanca
Mentre c’è chi / Guarda da giù / Il cielo blu…
E Ti sfotte / E ti ride alle spalle
Contento / che hai già rotto il vaso
E non hai rimediato..

Ma in fondo / Non ci provi nemmeno
Tra l’altro / un altro giorno è passato
Cosa hai combinato in più?
Ed ecco / che ti è tutto più chiaro    All’improvviso si è spaccato
e ti senti sbagliato    Hai toppato un’altra volta
per il male che hai dato    E non sai che cosa fare
Non ti riconosci più    Non ti riconosci più
E adesso    Guarda cosa hai combinato
vuoi raccogliere i cocci    Guarda che non c’è rimedio
Adesso / puoi andartene via…    Guarda che non puoi andare via
Spegnerti un po’ / Tanto quel blu / è sempre lassù…
Ma basta! / Questa è un’altra bugia
Che hai detto / per nascondere il danno
E pararti un po’ il culo…

181 – Piccolo Giovanni (2020)

181 – Piccolo Giovanni (2020)

Piccolo Giovanni che vedi il tuo Signore
con gli occhi dell’amore, con gli occhi dell’amore.
Per la conversione di tutti i peccatori
offri il tuo dolore, offri il tuo dolore.

Sei nata il 14 marzo / hai visto la luce a Caserta
tuo padre, un buon maresciallo / era lì con il suo reggimento.
Tua madre già non ti voleva / ti ha privato del latte materno,
e poi regole fin da piccina / senza carezze.

A Milano hai trovato calore / nell’abbraccio di umili suore
E a un Gesù dalla croce deposto / volevi donare il tuo cuore.
Ma a casa eri sempre piu sola / non avevi amiche o compagni
se non qualche bestiola e dei fiori / della terrazza.

Piccolo Giovanni che vedi il tuo Signore
con gli occhi dell’amore, con gli occhi dell’amore.
Per la conversione di tutti i peccatori
offri il tuo dolore, offri il tuo dolore.

Poi a Monza fino a sedici anni / in un collegio stimato e importante.
Ti piaceva studiare in quel posto / ma dovesti andare distante.
Seguisti tuo padre a Firenze, / e lì conoscesti l’amore.
Ma tua madre non era d’accordo. / e qul sogno spezzò.

Un giorno mentre camminavi / per le strade, a braccetto alla mamma,
fosti colpita alla schiena / da una spranga di ferro massiccio:
un ragazzo fuori di testa, / non sapeva che cosa faceva,
lesionò la tua spina dorsale / e la tua vita cambiò.

Piccolo Giovanni che vedi il tuo Signore
con gli occhi dell’amore, con gli occhi dell’amore.
Per la conversione di tutti i peccatori
offri il tuo dolore, offri il tuo dolore.

A Viareggio, dopo qualche anno / ti trovasti bloccata in un letto
non saresti mai più guarita / e pensavi che fosse finita.
La vita offristi a Dio / perché salvasse le anime, tutte
Non sapevi che aveva su te / un grande progetto.

Accadde che un venerdì santo / a mezzogiorno del 23 Aprile
cominciò a parlare al tuo cuore / e divenne un compagno fedele.
Ti mostrò la sua vita terrena / tu scrivesti tutti quel che vedevi.
Quell’Opera è un grande dono / per l’umanità.

Piccolo Giovanni che vedi il tuo Signore
con gli occhi dell’amore, con gli occhi dell’amore.
Per la conversione di tutti i peccatori
offri il tuo dolore, offri il tuo dolore.



180 – Il tavolo e l’albero (2020)

180 – Il tavolo e l’albero (2020)

Ho davanti un tavolo / e non mica un albero
se tu ci vedi un albero / mi sembra un po’ balordo…
è un tavolo di plastica / non è mai stato un albero
e non può mica esserlo / anche se tu non sei d’accordo

Se ho una mela in mano / e tu dici che è una pera
dobbiamo un po’ capirci / su cosa è la realtà
Il pensiero è un’opinione / su cui si può discutere
ma una mela è sempre una mela / che da un albero cadrà

Ora mi vieni a dire / che il fuoco è un’idea
Ma se ci metti su la mano / ti scotterai comunque
e se mi vieni a dire / che puoi volare senza ali
se salti in un burrone / farai una brutta fine

Io adesso son seduto / che suono la chitarra
ed intanto invento / per te questa canzone
il tavolo che uso / per appoggiarci il foglio
è solo un oggetto / con o senza approvazione

non ha per niente un’anima / e non ha neanche il pensiero
è un oggetto inanimato / e una cosa materiale
ma tu vuoi convincermi / che potrebbe essere un albero
se solo lo volesse / o se tu lo credi tale.

Mentre guardo questo tavolo / che dici essere un albero
Non ho più voglia di discutere / e quindi me ne vado
E tu stai festeggiando e giá gridando al mondo
Che tutti i tavoli di plastica possono esser quel che vogliono…

179 – Quaranta live (2020)

179 – Quaranta live (2020)

GUARDALI!
TUTTI PRESI A MOSTRARSI “ABILI”
E A FAR VEDERE Che SON “vivi”
E SEI SOLO TU CHE NON LO SEI!

SI IMPEGNANO
NON PASSA GIORNO CHE NON CANTANO
TUTTA LA LORO “ENERGIA”
Quella CHE TU NON HAI

TU SEI Chiuso In CASA COME LORO
LE TUE giORNATE NON PASSANO MAI.
NON HAI VOGLIA DI MOSTRARTI “NUDO”
PER APPLAUSI VIRTUALI E Per dei like

È SEMPLICE
SE LE DISTANZE NON Ci FOSSERO
NON SAREBBE POI DIVERSO
TI SENTIRESTI COMUNQUE SOLO

E QUINDI
NON C’È ALCUNA DIFFERENZA
RESTA SOLO UNA DOMANDA
E FAI FINTA CHE NON CI SIA

TU SEI Chiuso In CASA COME LORO
LE TUE giORNATE NON PASSANO MAI.
NON HAI VOGLIA DI MOSTRARTI “NUDO”
PER APPLAUSI VIRTUALI E Per dei like

ALLORA DIMMI
CHE SENSO hanno I Tuoi LAMENTI?
SE NON HAI VOGLIA DI GIOCARE
A QUESTO GIOCO PERCHE COMMENTI?

INUTILI
I TUOI PENSIERI COSI’ “AULICI”
CHE OFFRI SOLO A POCHI INTIMI
Che NON CAPISCONO… NON sono IN “BILICO”

TU SEI Chiuso In CASA COME LORO
LE TUE giORNATE NON PASSANO MAI.
NON HAI VOGLIA DI MOSTRARTI “NUDO”
PER APPLAUSI VIRTUALI E Per dei like

178 – Ti mando a quel paese (2019)

178 – Ti mando a quel paese (2019)

Ti mando a quel paese!
Sai dove si trova?
Se prosegui dritto
su questa strada
troverai un incrocio
a destra le delusioni
davanti l’oblio
tu vai a sinistra
che è dove ti mando io.

Se nessuno ti ci ha mai mandato
è un posto che tu devi visitare.
Ti troverai bene e a tuo agio
con persone che son tali e quali a te.
Non ti preoccupare se è affollato
c’è parcheggio anche in pieno centro.
Vitto e alloggio sempre assicurato
Non si paga, anzi se vuoi vieni pagato

Ti mando a quel paese…

Il mio invito è del tutto personale
ed arriva dal profondo del mio cuore.
È un consiglio per poterti aiutare
a trovare la tua giusta dimensione
Vuoi una mappa? un disegno con la strada?
Vuoi un taxi? Adesso te lo chiamo!
Cosa aspetti? Un passo dopo l’altro..
Hai dei dubbi? vuoi che sia più chiaro?

Ti mando a quel paese…

177 – Depression song (2019)

177 – Depression song (2019)

Non ho più stima di me
di tutto quel che faccio
Non ho più stima di me
e mi sento uno straccio…

mi crolla il mondo addosso
niente ormai ha più senso
e io sto affogando
in questo vuoto immenso

Non ho più stima di me
E questo è un fatto..
Non ho più stima di me
e ho detto tutto.

Non so fare niente
che sia davvero importante
mi sento solo un costo
di cui puoi fare senza….

Non ho più stima di me
a che cosa servo?
Non ho più stima di me
mi sento perso.

Non ho più stima di me
tutti san fare meglio
non ho più stima di me
ho toccato il fondo.

176 – Adamo (2019)

176 – Adamo (2019)


No, non guardarmi così
lo sai che se mi guardi così
mi puoi chiedere tutto
ed io darei la mia vita per te
se mi guardi così.

Perché mi vuoi trascinare
con te? cosa vuoi ottenere?
tu stai cadendo,
cadrò anche io e non per questo sarà
un dolore a metà.

Oh… Le tue braccia tese…
Oh… Non le riesco a capire…
E quel frutto… che hai tra le mani…

No, non guardarmi così…
Ti prego fallo x me,
se mi ami davvero
lo comprendi da te che non è vero amore,
se mi guardi così.

Oh… Le tue braccia tese…
Oh… Non le riesco a capire…
E quel frutto… che hai tra le mani…

Ma sì… Alla fine… sarà solo una scelta mia…
Tu in fondo che colpa avrai?
Solo l’avermi guardato così.

175 – Quando mi sposerai? (2019)

175 – Quando mi sposerai? (2019)

Quando mi sposerai?
Non voglio
sapere il giorno,
ma solo se lo farai…
comunque… presto o tardi… come vuoi!
Ho bisogno di sapere
se è con me che vuoi passare
ogni istante della tua vita…
per cui quando mi sposerai?

Lo so, va tutto bene
abbiamo
una famiglia
una casa senza pretese
quattro figli ed una vita impegnativa
e poi tante soddisfazioni
anche qualche dispiacere,
e ogni cosa si condivide…
ma quando mi sposerai?

Vorrei affidare il nostro amore
a chi fa bene tutte le cose
e che sa come costruire
una storia che non ha fine.

Quel giorno mi troverai
sull’altare
ad aspettare
che tu mi dica “sì”
che è così… anche per te…
Scusa… ho detto una bugia
Non riesco ad aspettare
e vorrei che fosse oggi
il giorno che mi sposerai.

174 – Esperimento #4 (2018)

174 – Esperimento #4 (2018)

chiuso in una stanza / a suonare l’ukulele
non ne ho mai abbastanza / mi aiuta col morale
ma oggi ho un tarlo in testa / che continua a scavare
mi vuole fare la festa / mi vuole rovinare

ahi, ai ia iai… quanto fa male…
ahi, ai ia iai… non vedo soluzione

vorrei allontanare / tutti i dubbi che ho
e fingo di ignorare / quello che non so
ma lui continua a scavare / sempre più a fondo
sa bene come fare / non ci gira intorno

ahi, ai ia iai… che devo fare?
ahi, ai ia iai… non vedo soluzione

ancora mi tormenta / mi corrode dentro
non ne voglio parlare / o potrei fare centro
così ci giro intorno/ fingo che va bene
è chiaro che mi inganno / ma forse mi conviene

ahi, ai ia iai… me ne vorrei andare
ahi, ai ia iai… non vedo soluzione

ho iniziato a sbarellare / andare fuori di matto
niente ha più valore / e io mi sono rotto
canto il mio poema / è la mia morfina
anche senza parole / è una pantomima

ahi, ai ia iai… ma cosa devo fare?
ahi, ai ia iai… non vedo soluzione

chiuso in questa stanza / a suonare l’ukulele
non ne ho abbastanza / anche se fa male
e non c’è esperimento / che io possa fare
per restare a galla / sopra questa merda

ahi, ai ia iai… basta una preghiera
ahi, ai ia iai… che non so più dire

173 – Liberami dal male (2018)

173 – Liberami dal male (2018)

musica di IVANO CONTI

testo di IVANO CONTI e GIANCARLO RESTIVO

Liberami dal male 

dal mio male

dal male degli altri 

dal male che c’è intorno a me

liberami dal male 

ora

 

Giunga a Te la mia preghiera.

Sento mancare il respiro.

Sono privo di forza

e mi assale la paura.

Molte le prove, le tentazioni.

Nascosti nel buio i volti dei nemici.

Lotto incurante del dolore

ma cado schiavo dell’errore.

 

Liberami dal male…

 

Giunga la Tua misericordia

mentre annego tra i timori.

Tu sei la mia forza

e sostieni l’andatura.

Vinco le prove, le tentazioni.

Cerco il conforto nei volti degli amici.

Sotto il peso della croce

non cado, e prego sottovoce:

 

Liberami dal male…