Un caffè

Non smette di piovere più, vien giù da una settimana.
Ho i vestiti ancora bagnati per l’acqua presa ieri sera.
Almeno suonasse il telefono, sentirei la tua voce,
non sai quanto mi piace;
e invece è tutto tranquillo, mi leggo un libro
e mi metto a sognare.

La radio, è lo stesso canale che conosci anche tu,
mi aiuta a lasciarmi andare in un cielo “tinto di blu”
e da quella fotografia che io tengo appesa
sulla scrivania
tu ti stacchi e mi vieni a trovare …
ma è solo un sogno
non mi può consolare.

Ricantando questa canzone
mi sono accorto che sei tu che mi canti
e non è immaginazione:
io lo sento che adesso mi cerchi.
Ti prego cercami tutta la notte
e non crollare se il sonno ti prende
domattina arriverò e avrò per te
nelle mani bagnate
un caffè di quelli che piacciono a te.

 

Lascia un commento